Tombaroli distruggono Calidarium

CHIARAMONTE GULFI (RAGUSA), 28 GIU - Negli scavi di contrada Cifali, ai piedi dei colli iblei, sono state trovate tracce di strutture termali, probabilmente collegate a una villa romana, o a una "statio" del III secolo dopo Cristo. Gli scavi, diretti dal professor Alexander Evers e da Antonino Facella e finanziati dall'Università Loyola di Chicago, hanno subito un duro colpo: i tombaroli stanotte hanno distrutto a picconate un piccolo calidarium che era stato ritrovato intatto, con le pareti in cocciopesto integre, così come i tubuli da cui passa l'acqua. L'oggetto è stato del tutto distrutto, forse nella speranza di trovare qualcosa all'interno dei tubi, insieme a parti di strutture murarie emerse dagli scavi. Questa mattina la responsabile Beba Minniti ha presentato denuncia in questura a Ragusa. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia scientifica. I ritrovamenti testimoniano la presenza di una comunità di epoca romana (e forse precedente) nella zona dove si trovava l'antica sorgente di Cifali.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Corriere di Ragusa
  2. RagusaOggi
  3. Radio Rtm
  4. RagusaNews.com
  5. RagusaNews.com

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Acate

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...